Original on Transparent.png

Domande frequenti -Q&A

DISFUNZIONE ERETTILE (IMPOTENZA)

La disfunzione erettile (DE) è solo dovuta all'invecchiamento?


andrologo italiano a londra

Non necessariamente. È vero che il rischio di disfunzione erettile (DE) di un uomo aumenta con l'avanzare dell'età, ma molti uomini anziani hanno ancora erezioni sufficientemente rigide e rapporti sessuali soddisfacenti.
Gli uomini possono sviluppare disfunzione erettile a qualsiasi età. Spesso, la disfunzione erettile è un segno di altri problemi di salute, come diabete, dislipidemia, ipertensione e malattie cardiovascolari. Altre cause note sono l'uso di tabacco e alcol, l'obesità e gli effetti collaterali dei farmaci. Tuttavia, è comune - e normale - che le erezioni cambino quando un uomo invecchia. Potrebbe scoprire di aver bisogno di più tempo e stimoli per eccitarsi. Le sue erezioni potrebbero non essere rigide come quando era più giovane, o potrebbero non durare più a lungo di prima. I cambiamenti nelle erezioni non sono sempre uno svantaggio. Avere bisogno di più tempo o stimoli può dare alle coppie l'opportunità di una condivisione più intima. Potrebbero scoprire altre attività sessuali che sono eccitanti. l calo dei livelli di testosterone a mezza età può essere parzialmente responsabile del cambiamento delle erezioni. In alcuni uomini, con l'avanzare dell'età, i livelli di testosterone diminuiscono gradualmente. Alcune persone chiamano questa situazione "menopausa maschile" o andropausa, ma la diminuzione è sottile rispetto a ciò che le donne sperimentano durante la menopausa. I livelli di testosterone negli uomini possono diminuire di circa l'1% ogni anno a partire dai 30 anni circa. Tuttavia, il testosterone è un ormone importante per l'erezione e un basso livello di testosterone può essere una causa di disfunzione erettile . La " T bassa" è stata anche collegata a una diminuzione del desiderio sessuale, debolezza, affaticamento e malumore. La terapia sostitutiva con testosterone può aiutare, ma gli uomini dovrebbero sempre consultare il proprio medico prima di iniziare qualsiasi trattamento con testosterone.
Se hai problemi con l'erezione, consulta il tuo medico per un controllo. Come accennato in precedenza, la disfunzione erettile è spesso causata da condizioni di salute sottostanti come diabete, dislipidemia, ipertensione, malattie cardiovascolari e obesità. Trattare tali condizioni è importante per la tua salute generale e probabilmente vedrai migliorare le tue erezioni. A volte i cambiamenti nello stile di vita, come fare esercizio fisico, perdere peso o smettere di fumare, migliorano la funzione erettile. E se non hai un problema di salute di base, sarà bene escluderlo.Tieni presente che sono disponibili diversi trattamenti per la disfunzione erettile , inclusi farmaci, supposte, iniezioni intracavernose, dispositivi per il vuoto e procedure di impianto del pene. Non tutti i trattamenti sono appropriati per tutti gli uomini, ma è probabile che ci siano opzioni per te.




In che modo il diabete può influire sulla vita sessuale di un uomo?


urologo italiano a londra l diabete può avere un enorme impatto s ulla vita sessuale di un uomo. L'alto livello di zucchero nel sangue può danneggiare i nervi e i vasi sanguigni necessari per una buona funzione sessuale. Può anche aumentare il rischio di un uomo per altre condizioni che influenzano la sessualità. La disfunzione erettile è un problema frequente per gli uomini con diabete. Il loro rischio di disfunzione erettile è circa tre volte superiore al rischio per gli uomini senza diabete. È anche più probabile che lo sviluppino da 10 a 15 anni prima. Per molti uomini, la disfunzione erettile è un sintomo che porta a una diagnosi di diabete. L'alto livello di zucchero nel sangue può danneggiare i vasi sanguigni e, poiché i vasi sanguigni nel pene sono così piccoli, potrebbero essere tra i primi ad essere colpiti. L'alto livello di zucchero nel sangue può anche causare danni a lungo termine ai nervi coinvolti nelle erezioni. Molti uomini possono migliorare le loro erezioni gestendo bene il loro diabete. Esistono anche diversi trattamenti disfunzione erettile efficaci. Il diabete è anche associato a un rischio più elevato di questi problemi sessuali che colpiscono gli uomini:

  • La malattia di Peyronie. Le placche sul pene possono indurlo a curvare in modo significativo. Alcuni uomini con la malattia di Peyronie sviluppano anche disfunzione erettile.
  • Basso livello di testosterone. Chiamato anche carenza di testosterone, "Low T" è collegato a bassa libido, disfunzione erettile, affaticamento, malumore e altri sintomi.
  • Eiaculazione retrograda. Con l'eiaculazione retrograda, lo sperma viaggia all'indietro nella vescica invece che in avanti fuori dal pene.
  • Eiaculazione precoce. Gli uomini con eiaculazione precoce raggiungono l'orgasmo prima che lo desiderino.
  • Eiaculazione ritardata. Gli uomini con eiaculazione ritardata hanno problemi a eiaculare o impiegano più tempo per raggiungere l'orgasmo.
  • Anorgasmia o sensazioni orgasmiche deboli. Gli uomini potrebbero non raggiungere affatto l'orgasmo o, se lo fanno, le sensazioni non sono così intense.
Inoltre, il diabete può influire sulla salute psicologica ed emotiva di un uomo. Gestire il diabete può essere una sfida. È essenziale testare regolarmente la glicemia, seguire le linee guida dietetiche e assumere farmaci e insulina al momento opportuno. Alcune persone con diabete si sentono stressate, depresse e ansiose e questi sentimenti possono interferire con il desiderio sessuale e il piacere sessuale. Fortunatamente, i problemi sessuali associati al diabete possono essere trattati. Il tuo andrologo può aiutarti a decidere quali trattamenti sono migliori per te. Se tu e il tuo partner state lottando con la vostra relazione, può essere utile consultare un consulente o un terapista sessuale. Puoi anche migliorare la tua funzione sessuale seguendo abitudini sane: Verifica regolarmente il livello di zucchero nel sangue e prendi nota delle misurazioni.
Segui una dieta per diabetici. Potresti parlare con un nutrizionista per ulteriori informazioni.
Prendi i tuoi farmaci e l'insulina come indicato.
Mantenersi in forma. Aggiungi più esercizio alla tua giornata, se necessario.
Se sei in sovrappeso, prova a perdere chili in più.
Limita l'assunzione di alcol.
Se fumi, smetti. Il tuo medico può aiutarti a elaborare un piano per smettere di fumare.
Fonte: Società internazionale di medicina sessuale ISSM




Cos'è la disfunzione erettile? Cosa causa la disfunzione erettile? Come viene trattata la disfunzione erettile?


La disfunzione erettile ( è l'incapacità di un uomo di raggiungere o mantenere un'erezione adatta a un sesso soddisfacente. Per capire la disfunzione erettile, è importante capire come si verificano le erezioni. Quando un uomo è sessualmente eccitato, i nervi e le sostanze chimiche lavorano insieme per rilassare il tessuto muscolare liscio e allargare le arterie in modo che il pene possa riempirsi di sangue. Le vene si restringono per mantenere il sangue all'interno del pene, formando l'erezione. Una volta che l'uomo eiacula, il sangue viene rilasciato nuovamente nel corpo. La disfunzione erettile diventa più comune man mano che gli uomini invecchiano. È anche associato ad alcune condizioni mediche, come malattie cardiache e diabete. In effetti, circa il 50% degli uomini diabetici ha un certo grado di disfunzione erettile.
L'ED può verificarsi per molte ragioni, sia fisiche che psicologiche. • Scarso flusso sanguigno al pene. Questa è una delle cause più comuni di disfunzione erettile e può essere il risultato di diabete, malattie cardiache, colesterolo alto e ipertensione. • Danni ai nervi. Quando un uomo è sessualmente eccitato, il suo cervello invia messaggi al suo pene per avviare il processo di erezione. Ma se c'è un danno ai nervi, questi messaggi non possono essere trasmessi correttamente. Pertanto, le condizioni che colpiscono il sistema nervoso, come il diabete, le lesioni del midollo spinale, la sclerosi multipla e l'ictus, possono portare a disfunzione erettile. I nervi erettili possono anche essere danneggiati durante i trattamenti contro il cancro, come la radioterapia o la prostatectomia radicale (rimozione della ghiandola prostatica). • Problemi ormonali. Gli uomini con bassi livelli di testosterone o disturbi della tiroide possono avere problemi con l'erezione. • Effetti collaterali dei farmaci. è un effetto collaterale di alcuni farmaci, come quelli prescritti per l'ipertensione, malattie cardiache, ulcere peptiche, insonnia e depressione. Tuttavia, non tutti i farmaci di queste categorie hanno effetti collaterali sessuali. Ad esempio, alcuni antidepressivi sì, ma altri no. • La malattia di Peyronie. La malattia di Peyronie è un disturbo della guarigione delle ferite caratterizzato da una distinta curvatura del pene. Molti uomini con la malattia di Peyronie sviluppano ED, anche se gli esperti non sono sicuri del perché. • Problemi psicologici ed emotivi. Combattere con un partner, ansia, depressione, stress, abusi sessuali passati e preoccupazioni per le prestazioni sessuali possono influenzare il proprio benessere sessuale. In questi casi, possono essere utili sessioni con un terapista sessuale o un consulente.
Lo stile di vita di un uomo può anche interferire con la sua funzione erettile. Fumo, obesità, abuso di droghe e alcol, una dieta malsana e cattive abitudini di esercizio possono contribuire ad altre condizioni di salute associate all'ED.
Gli uomini con DE hanno diverse opzioni di trattamento:

  • Trattamenti psicosessuali. Questi approcci possono ridurre l'ansia sia dell'uomo che del suo partner, aumentare l'eccitazione e offrire opzioni piacevoli, che possono ridurre lo stress dell'uomo. Questi interventi possono essere eseguiti separatamente o parallelamente ai trattamenti medici.
  • Farmaci orali. Gli inibitori della fosfodiesterasi di tipo 5 (PDE5) come avanafil (Stendra), sildenafil (Viagra), sildenafil generico, tadalafil (Cialis) e vardenafil (Levitra) aiutano ad aumentare il flusso sanguigno al pene. Questi farmaci sono solitamente il primo metodo che i pazienti provano, ma non dovrebbero essere usati dagli uomini che assumono nitrati. I pazienti con assorbimento lento del farmaco (ad es. Pazienti parkinsoniani) potrebbero dover attendere 2-3 ore prima che si sviluppi un'erezione dopo aver assunto inibitori della PDE5.
  • Iniezioni di pene. Gli uomini possono imparare a iniettare farmaci nel pene. Questo farmaco aiuta i vasi sanguigni a dilatarsi, consentendo più sangue per l'erezione.
  • Shockwave per la disfunzione erettile: un nuovo trattamento che stimola la rigenerazione del pene stimolando la risposta infiammatoria e le cellule staminali.
  • Crema uretrale. Questi farmaci vengono inseriti nell'uretra sulla punta del pene.
  • Dispositivi per il montaggio del vuoto. L'uomo mette il suo pene in un cilindro a vuoto e pompa l'aria fuori. Quindi posiziona un anello di costrizione alla base del pene, che mantiene l'erezione.
  • Protesi peniene. Gli impianti (a volte chiamati protesi peniene) vengono posizionati chirurgicamente all'interno del pene e consentono a un uomo di ottenere un'erezione quando lo desidera. Al giorno d'oggi, la maggior parte delle protesi peniene sono dispositivi gonfiabili controllati con una pompa.
Gli uomini che hanno problemi con l'erezione sono incoraggiati a consultare un medico. Non è insolito che l'ED abbia una combinazione di cause. Può anche essere un segno di una condizione medica più grave come il diabete o una malattia cardiaca, quindi è importante sottoporsi a un controllo completo




La disfunzione erettile  e la depressione sono correlate?


Sì. La ricerca ha dimostrato che gli uomini con disfunzione erettile sono a più alto rischio di depressione e, a loro volta, gli uomini con depressione sono a più alto rischio di disfunzione erettile.
Nel 2018, il Journal of Sexual Medicine ha pubblicato una revisione di 42 studi su disfunzione erettile e depressione. Insieme, gli studi hanno incluso oltre 192.000 uomini. Gli autori hanno riferito che gli uomini con depressione avevano un aumento del 39% del rischio di disfunzione erettile. E gli uomini con disfunzione erettile avevano quasi tre volte più probabilità di soffrire di depressione rispetto agli uomini che non avevano problemi con l'erezione.
Questi risultati non significano necessariamente che la depressione e la disfunzione erettile si causino direttamente a vicenda. Tuttavia, gli autori hanno raccomandato che gli uomini con andrologo italiano a londra DE fossero sottoposti a screening per la depressione e gli uomini con depressione fossero sottoposti a screening per la disfunzione erettile.
Gli scienziati non sono sicuri del perché le due condizioni siano così strettamente collegate, ma le teorie suggeriscono connessioni sia fisiche che psicologiche. Le connessioni fisiche possono includere quanto segue: Basso livello di testosterone. Alcuni uomini con bassi livelli di testosterone hanno erezioni deboli o non sono affatto in grado di avere erezioni. Allo stesso modo, un basso livello di testosterone è stato collegato alla depressione.
Scarso rilassamento muscolare. Per ottenere un'erezione stabile, i muscoli del pene di un uomo devono rilassarsi e consentire al sangue di fluire all'interno. È possibile che la depressione colpisca le aree del cervello che rilasciano i composti coinvolti in questo processo.
Farmaci. Molti farmaci usati per trattare la depressione hanno effetti collaterali sessuali, che possono includere disfunzione erettile. Alcuni esempi sono gli inibitori della ricaptazione della serotonina (SSRI), gli inibitori della ricaptazione della serotonina e della norepinefrina (SNRI), antidepressivi triciclici e tetraciclici e alcune forme di inibitori delle monoaminossidasi (IMAO). Bupropione, mirtazapina, vilazodone e vortioxetina tendono ad avere meno effetti collaterali sessuali. Se gli uomini sospettano che i farmaci stiano causando la loro disfunzione erettile, dovrebbero consultare il loro medico. A volte, cambiare il dosaggio o passare a un farmaco diverso aiuta, ma questi passaggi dovrebbero sempre essere eseguiti sotto le cure di un medico. Possono essere coinvolti anche fattori psicologici: Ansia da prestazione. Le persone depresse tendono a pensare in modo più negativo e possono sentirsi meno sicure. Un uomo depresso potrebbe pensare: "Non ho quello che serve per compiacere il mio partner" e poi avere difficoltà di erezione.
Conflitto di relazione. La disfunzione erettile può essere stressante per gli uomini e per i loro partner e la depressione può svilupparsi dal conflitto relazionale. L'uomo con disfunzione erettile potrebbe temere di non soddisfare i bisogni del suo partner e sentirsi inadeguato o meno mascolino. Il suo partner potrebbe preoccuparsi di essere abbastanza attraente o sospettare che l'uomo abbia una relazione. Se questi sentimenti non vengono portati allo scoperto, la situazione può peggiorare, con entrambi i partner che si ritirano, si evitano a vicenda o perdono l'intimità che una volta condividevano. Sia la DE che la depressione possono essere curate ed è importante cercare aiuto per entrambe le condizioni. Gli uomini dovrebbero sottoporsi a un controllo fisico completo per assicurarsi che le cause fisiche della DE, come diabete, bassi livelli di testosterone o malattie cardiache, siano affrontate se necessario. La psicoterapia e la consulenza possono portare benefici sia agli uomini che ai loro partner. Fonte Il Journal of Sexual Medicine Qian Liu, MPH, et al.
"Disfunzione erettile e depressione: una revisione sistematica e una meta-analisi"
(Testo integrale. Pubblicato online: 27 giugno 2018)
https://www.jsm.jsexmed.org/article/S1743-6095(18)31007-5/fulltext Società internazionale di medicina sessuale




L'assunzione di caffè può influire sulla disfunzione erettile?


Non è del tutto chiaro se bere caffè influisca sulle erezioni di un uomo, poiché gli studi hanno avuto risultati contrastanti. Nel 2015, uno studio su oltre 3.700 uomini ha suggerito che coloro che consumavano 170-375 mg di caffeina ogni giorno (l'equivalente di 2-3 tazze di caffè) erano a minor rischio di disfunzione erettile disfunzione erettile. I ricercatori hanno ipotizzato che la caffeina rilassa il tessuto muscolare liscio e le arterie del pene, determinando un migliore flusso sanguigno e erezioni più sode. Tuttavia, i ricercatori hanno anche notato che non avevano tenuto conto di altri fattori di rischio di disfunzione erettile, come le malattie cardiache. Sono state necessarie ulteriori ricerche per verificare i loro risultati, hanno detto. Nel 2018, uno studio più ampio su oltre 21.000 uomini di età compresa tra i 40 ei 70 anni ha rilevato che bere caffè regolare non sembrava influenzare l'erezione. Tuttavia, gli uomini che bevevano caffè decaffeinato avevano maggiori probabilità di avere disfunzione erettile, soprattutto se erano fumatori. Tuttavia, gli autori hanno affermato che i loro risultati dovrebbero essere interpretati con cautela. In questo studio, i bevitori di caffè decaffeinato più pesanti tendevano anche ad essere fumatori o ad avere altre condizioni di salute come l'ipertensione e livelli elevati di colesterolo. 223/5000 Gli uomini che hanno domande sulla loro salute sessuale dovrebbero consultare il proprio medico. Sia i fattori fisici che quelli psicologici possono contribuire ai problemi di erezione e un esame fisico completo può aiutare a individuare la causa. Fonte American Journal of Epidemiology via Medscape Lopez, David S., et al.
“Coffee Intake and Incidence of Erectile Dysfunction”
(Full-text. May 2018)
https://www.medscape.com/viewpublication/2406 International Society for Sexual Medicine “Caffeine May Reduce Risk of Erectile Dysfunction”
https://www.issm.info/news/sex-health-headlines/caffeine-may-reduce-risk-of-erectile-dysfunction/ “Can increasing caffeine intake help with erectile dysfunction (ED)?”
https://www.issm.info/sexual-health-qa/can-increasing-caffeine-intake-help-with-erectile-dysfunction-ed/




Qual è la differenza tra ansia da prestazione sessuale e disfunzione erettile?


L'ansia da prestazione sessuale e la disfunzione erettile sono entrambi problemi fastidiosi ed è possibile che un uomo li abbia entrambi. Ma hanno alcune chiare differenze. Un uomo con ansia da prestazione sessuale manifesta preoccupazioni sulla sua funzione sessuale o sulla sua capacità di compiacere sessualmente il suo partner. Potrebbe avere domande come queste: Sarò in grado di ottenere un'erezione soddisfacente (abbastanza dura) ?
Eiaculerò troppo velocemente?
Avrò un orgasmo?
Il mio partner mi trova attraente?
Il mio pene è abbastanza grande?
Sono abbastanza abile sessualmente?
Il mio partner raggiungerà l'orgasmo?
Cosa succederà se il mio partner non fosse sessualmente soddisfatto?
Gli uomini che usano la pornografia possono sviluppare ansia da prestazione sessuale se confrontano le loro esperienze di vita reale con ciò che vedono nei film e nei video per adulti. Di solito, tali raffigurazioni non sono realistiche, ma gli uomini possono sentirsi nervosi o inadeguati se non si comportano allo stesso modo. A volte, un uomo può diventare così preoccupato per le sue prestazioni da sviluppare la disfunzione erettile. L'ansia innesca la produzione di ormoni dello stress (come l'adrenalina e la norepinefrina) che possono restringere i vasi sanguigni nel pene e rendere difficile il flusso del sangue e l'erezione. La disfunzione erettile (DE) si verifica quando un uomo non può ottenere e mantenere un'erezione abbastanza ferma per il sesso. Come notato in precedenza, l'ED può essere il risultato dell'ansia da prestazione. Ma anche le situazioni di salute possono influenzare l'erezione. Ecco alcuni esempi: Diabete
Cardiopatia
Colesterolo alto
Ipertensione
Fumo
Danni ai nervi
Trattamento del cancro (come prostatectomia - rimozione della ghiandola prostatica)
Disturbi della tiroide
Basso livello di testosterone
Effetti collaterali dei farmaci
Deficit di attenzione (soprattutto nei giovani uomini) A volte, la DE porta all'ansia da prestazione. Un uomo che ha avuto problemi con l'erezione in passato può diventare ansioso per la sua capacità di esibirsi sessualmente in futuro. Sebbene sia possibile avere sia ansia da prestazione sessuale che ED, non sempre accade in questo modo. Gli uomini che si sentono sicuri in camera da letto e nelle loro relazioni possono ancora sviluppare disfunzione erettile. Fortunatamente, sia la DE che l'ansia da prestazione sessuale possono essere trattate. Gli uomini con ansia da prestazione possono prendere in considerazione la terapia sessuale. Un terapista può aiutare gli uomini a superare le loro preoccupazioni, adattare le loro aspettative e concentrarsi maggiormente sul piacere del sesso. Ad esempio, un uomo preoccupato per un pene piccolo potrebbe essere sollevato nell'apprendere che la sua lunghezza è nella gamma media. Oppure un uomo che si preoccupa per l'orgasmo del suo partner può imparare a chiedere al suo partner cosa gli piace. Se l'uomo ha una relazione, spesso è una buona idea che il suo partner venga in terapia con lui. A volte, i partner sono fonte di pressione e ansia a causa delle proprie preoccupazioni, problemi sessuali o mancanza di conoscenza. Anche frequentare la terapia insieme può aiutare una coppia con tensioni relazionali. Gli uomini con disfunzione erettile hanno una varietà di opzioni di trattamento, inclusi farmaci, autoiniezioni, dispositivi per il vuoto e protesi peniene.




Cosa é l'ecografia del pene ?


Un'ecografia è un test di imaging che utilizza le onde sonore per produrre immagini di organi interni, offrendo ai medici una visione più dettagliata. L'ecografia del pene può essere utilizzata per valutare molte condizioni che interessano il pene, tra cui la disfunzione erettile (DE), placche (come quelle causate dalla malattia di Peyronie), fibrosi, noduli e persino cancro. Ecografia Doppler Gli uomini con problemi di erezione spesso hanno un'ecografia Doppler, che può mostrare il modo in cui il sangue scorre dentro e fuori gli organi. In un'ecografia Doppler, le onde sonore rimbalzano sui globuli rossi circolanti. Un cambiamento di tono segnala il movimento del sangue. Il flusso sanguigno è fondamentale per l'erezione di un uomo. Quando un uomo viene stimolato sessualmente, le arterie del suo pene si allargano e il pene si riempie di sangue. Questo sangue è ciò che dà al pene la fermezza di cui ha bisogno per il sesso. Le vene del pene si restringono, trattenendo il sangue. Quando la stimolazione si interrompe, o quando l'uomo eiacula, le vene si allargano di nuovo e permettono al sangue di rifluire nel corpo. Molti uomini con funzione erettile hanno problemi con questo flusso sanguigno. Le arterie potrebbero non allargarsi abbastanza da consentire il flusso di sangue sufficiente. Oppure, le vene potrebbero non restringersi abbastanza da impedire al sangue di fluire. Entrambe le situazioni possono portare a erezioni deboli. Il test inizia con un'iniezione di medicinale, che provoca un'erezione allargando le arterie e aumentando il flusso sanguigno. Da lì, un medico sposta un piccolo dispositivo chiamato trasduttore contro la pelle del pene. Il trasduttore invia i dati a un computer in modo che il medico possa dire quanto velocemente il sangue scorre dentro e fuori. Un'ecografia Doppler non è invasiva e il test stesso non dovrebbe far male. Alcuni uomini hanno dolore o lividi nel sito di iniezione. Gli uomini potrebbero anche avere le vertigini per alcuni minuti. Se l'erezione indotta dura più a lungo del test, il medico potrebbe fare un'altra iniezione in modo che il pene diventi di nuovo flaccido. Di solito si consiglia agli uomini di non assumere farmaci per la disfunzione erettile (come Viagra, Levitra o Cialis) per un giorno o due prima del test. Potrebbero anche essere istruiti a non fare sesso o masturbarsi il giorno dell'ecografia.




La disfunzione erettile è comune negli uomini sotto i 40 anni?


Cause di disfunzione erettile
La disfunzione erettile negli uomini più giovani è spesso causata da fattori psicologici o emotivi, come depressione, ansia e stress. A volte questa relazione è chiamata bidirezionale. Ciò significa che mentre depressione, ansia e stress possono portare alla disfunzione erettile, potrebbe essere vero anche il contrario. la disfunzione erettile può peggiorare la depressione, l'ansia e lo stress. I problemi psicologici legati alla disfunzione erettile possono avere una serie di cause. Un uomo può essere stressato per il suo lavoro o per i suoi obblighi finanziari. Potrebbe sentirsi depresso se la relazione con il suo partner è in difficoltà. Anche l'ansia da prestazione è un colpevole comune. Un uomo può essere così ansioso di compiacere il suo partner da non poter esibire affatto sessualmente. I ricercatori italiani hanno anche scoperto che gli uomini più giovani nel loro studio avevano maggiori probabilità di fumare e usare droghe illecite come la marijuana e la cocaina. Queste sostanze possono contribuire alla disfunzione erettile. Ad esempio, il fumo può portare all'aterosclerosi - indurimento delle arterie. Quando ciò accade, le arterie si ostruiscono, rendendo più difficile il passaggio del sangue. Il flusso sanguigno è essenziale per l'erezione. Se le arterie del pene sono bloccate, la giusta quantità di sangue non può arrivare al pene, causando un'erezione debole o nessuna erezione. Inoltre, la ricerca ha dimostrato che la marijuana può compromettere la funzione erettile proprio come altera la funzione cerebrale. Il principio attivo della marijuana interagisce con le proteine ​​del cervello chiamate recettori dei cannabinoidi. Questa interazione è ciò che fa sentire le persone "su di giri". Si ritiene che questo tipo di interazione possa verificarsi anche nel pene. I ricercatori italiani non hanno riscontrato differenze significative nel consumo di alcol tra i partecipanti anziani e giovani. Tuttavia, l'alcol può anche interferire con l'erezione danneggiando i vasi sanguigni del pene. Tuttavia, gli uomini più giovani che hanno la disfunzione erettile non dovrebbero fare supposizioni sulle cause. La disfunzione erettile può essere un indicatore di altre condizioni di salute, come le malattie cardiovascolari e il diabete. Può anche essere grave per i giovani come lo è per gli uomini più anziani. Quindi, è importante sottoporsi a un controllo approfondito con un medico e ottenere cure se necessario. Trattamento della disfunzione erettile Fortunatamente, la disfunzione erettile è una condizione curabile. A volte fare cambiamenti nello stile di vita, come smettere di fumare, prenditi cura di te. Sono disponibili anche farmaci e dispositivi. Un breve corso di farmaci per via orale può essere molto utile. A volte, la terapia orale viene prescritta prima per ridurre l'ansia. Gli uomini con ansia o depressione possono trarre beneficio dal vedere un consulente o un terapista sessuale. Le coppie possono decidere di cercare insieme una consulenza per lavorare su qualsiasi problema di relazione. Un terapista sessuale può anche aiutare un uomo con ansia da prestazione, insegnandogli modi per rilassarsi ed essere più sicuro del sesso.




La mancanza di erezioni mattutine è un problema?


In genere, gli uomini hanno diverse erezioni mentre dormono. Il processo è chiamato tumescenza notturna del pene (NPT) ( o erezione mattutina) e si verifica nei maschi di tutte le età, anche nei bambini piccoli. Queste erezioni non sono causate dalla stimolazione sessuale ma sembrano essere associate al sonno REM (movimento rapido degli occhi). Se un uomo si sveglia durante o solo dopo un periodo di sonno REM, potrebbe avere un'erezione mattutina. La mancanza di un'erezione mattutina non è necessariamente un problema. A volte, gli uomini si svegliano in punti diversi di un ciclo del sonno, quando non si verifica un'erezione. Tuttavia, le erezioni mattutine potrebbero fornire alcuni indizi sulla disfunzione erettile (ED). L'ED può avere cause fisiche e psicologiche. A volte, sono coinvolti contemporaneamente fattori fisici e psicologici. Quando un uomo sospetta di avere ED, il suo medico potrebbe chiedere informazioni sulle erezioni mattutine. Se continua a soffrire di NPT, è probabile che i suoi problemi di erezione abbiano un'origine psicologica, poiché il suo "impianto idraulico" fisico è ancora funzionante. Se non ha NPT, i problemi fisici potrebbero essere la radice del problema. Tuttavia, le erezioni mattutine non sono gli unici criteri utilizzati per valutare l'ED. I medici considereranno anche la storia medica di un uomo, i livelli di testosterone e tutti i farmaci che assume. (Ulteriori informazioni qui.) Gli uomini che scoprono di non avere erezioni mattutine come facevano prima dovrebbero menzionare la situazione al proprio Urologo curante.




Il fumo può ridurre l'erezione di un uomo?


Il fumo può avere un enorme impatto sulle erezioni di un uomo. Infatti, nel 2014 il Surgeon General statunitense in carica ha aggiunto la disfunzione erettile (DE) all'elenco delle condizioni che possono essere causate dal fumo. La ricerca ha dimostrato che gli uomini che fumano sono a maggior rischio di ED. Spesso, i problemi di erezione sono peggiori per gli uomini che fumano molto e per coloro che hanno fumato a lungo. Il fumo passivo può anche interferire con l'erezione. Per ottenere un'erezione ferma, un uomo deve avere un flusso sanguigno sufficiente al suo pene. Questo è ciò che mantiene l'erezione abbastanza ferma per l'attività sessuale. I prodotti chimici del fumo possono interferire con questo flusso sanguigno. Il fumo può danneggiare il rivestimento dei vasi sanguigni o portare ad aterosclerosi (indurimento delle arterie). Può anche influenzare il tessuto muscolare liscio che deve rilassarsi per consentire il flusso di sangue. Quando si verifica uno di questi scenari, meno sangue può raggiungere il pene. Gli uomini possono diventare incapaci di avere erezioni. Se possono, le erezioni sono deboli. Il fumo può anche ridurre la quantità di ossido nitrico, un composto che svolge un ruolo importante nelle erezioni. L'ED spesso migliora quando gli uomini smettono di fumare. Tuttavia, gli uomini che hanno problemi a ottenere e mantenere un'erezione ferma sono incoraggiati a consultare il proprio medico. Molti fattori, non solo il fumo, possono contribuire all'ED. Possono essere coinvolte anche condizioni di salute come il diabete o le malattie cardiache. Se è così, è importante che queste condizioni vengano trattate. In questo modo non solo fa bene alla salute generale, ma potrebbe migliorare le erezioni. Nel frattempo, smettere di fumare è sempre una buona idea: prima è, meglio è. Un medico può suggerire metodi per smettere di fumare o fare riferimento a un programma per smettere di fumare.




La masturbazione causa la disfunzione erettile?


No. Ma se guardi troppi porno potrebbe!!!

L'idea che la masturbazione causi la disfunzione erettile (DE) è un mito.

La masturbazione - toccare se stessi o i genitali del proprio partner per il piacere sessuale - è una pratica normale e di solito innocua. In effetti, la masturbazione può avere benefici. Sia gli uomini che le donne possono godersi il rilascio sessuale che fornisce. Può aiutare le persone a familiarizzare con il proprio corpo ed esplorare i modi in cui preferiscono essere toccate.

La masturbazione può anche dare piacere alle coppie che non possono eseguire rapporti, in modo permanente o temporaneo.

Gli uomini usano varie tecniche di masturbazione, che possono interferire con la loro funzione sessuale (ad esempio, masturbazione in posizione prona, usando colpi molto intensi, premendo, piegando o toccando il loro pene in un modo particolare). Queste abitudini masturbatorie a volte provocano disfunzioni sessuali (ad esempio la disfunzione erettile, eiaculazione ritardata, riduzione del desiderio e insoddisfazione sessuale). Pertanto, è importante che medici e terapisti abbiano una storia sessuale dettagliata.

La disfunzione erettile si verifica quando un uomo non può ottenere o mantenere un'erezione abbastanza ferma per il rapporto sessuale.

Le cause possono essere fisiche, psicologiche o entrambe. Ecco alcuni esempi:

  • Scarso flusso sanguigno al pene
  • Danni ai nervi
  • Problemi ormonali
  • Effetti collaterali dei farmaci
  • La malattia di Peyronie
  • Problemi psicologici ed emotivi

Per maggiori dettagli sulle cause dell'ED, fare clic qui.

Sebbene la masturbazione non causi direttamente l'disfunzione erettile, la ricerca suggerisce una connessione per gli uomini che guardano la pornografia. Masturbarsi mentre si guarda il porno può portare a un'eccessiva stimolazione e, a sua volta, a cambiamenti nella chimica del cervello. Quando ciò accade, un uomo potrebbe scoprire di avere problemi a ottenere un'erezione quando è con un vero partner. Oppure, potrebbe aver bisogno del livello di stimolazione fornito dalla pornografia (che un partner potrebbe non essere in grado di fornire) per ottenere un'erezione.




È sicuro fare sesso durante la pandemia di coronavirus (COVID-19)?


Il coronavirus si diffonde principalmente attraverso le goccioline respiratorie. COVID-19 può essere trovato in goccioline di saliva e muco che vengono prodotti quando una persona infetta starnutisce o tossisce. Possono essere respirati da un'altra persona, atterrare su un'altra persona o rimanere su superfici che altre persone toccano.

Questo è il motivo per cui le autorità sanitarie consigliano di prendere le distanze sociali - stare a 2 metro di distanza dalle altre persone - e lavarsi le mani in modo frequente e accurato.

Nonostante non sia noto che i coronavirus siano trasmessi sessualmente, è possibile trasmettere "indirettamente" il coronavirus (COVID-19) durante l'attività sessuale. Si consiglia alle persone che hanno rapporti sessuali durante la pandemia di prendere alcune precauzioni.

Gli scienziati hanno scoperto COVID-19 nelle feci e nello sperma. Finora, non sappiamo se il virus si trovi nei fluidi vaginali. Nell'aprile 2020, i ricercatori non hanno segnalato alcuna prova di COVID-19 nei fluidi vaginali di 10 donne infette, ma sono necessarie ulteriori ricerche.

Le persone infette da coronavirus potrebbero non avere subito i sintomi. Potrebbero essere necessari fino a 14 giorni prima che i sintomi inizino. Tuttavia, le persone infette possono essere contagiose che abbiano o meno sintomi.

Nonostante la mancanza di uno studio formale al riguardo, sembra ragionevole affermare che se una coppia convive senza precauzioni di isolamento individuale, è probabile che l'attività sessuale non aumenti in modo significativo il rischio di diffusione del coronavirus.

Tuttavia, al di fuori di questo scenario, alcune attività sessuali dovrebbero essere evitate a causa del modo in cui si diffonde il coronavirus:

  • Baciare. Il virus si trova nella saliva, quindi c'è un chiaro rischio di trasmissione
  • Rimming (analingus). Non stimolare l'ano di una persona con la lingua.
  • Fare sesso con qualcuno che è malato. Ricorda, il virus può diffondersi attraverso lo stretto contatto con altre persone e goccioline respiratorie. Le persone malate dovrebbero essere isolate da ogni contatto finché non si riprendono.
  • Fare sesso con qualcuno a rischio di coronavirus. Ciò includerebbe persone con diabete, malattie polmonari, malattie cardiache, cancro o un sistema immunitario indebolito. A meno che questa persona non viva con te e tu stia entrambi a casa, il sesso dovrebbe essere evitato.
  • Al di fuori dello scenario menzionato, se fai sesso, prendi queste precauzioni:

Usa preservativi e dighe dentali. Questi metodi di barriera riducono la quantità di saliva e feci a cui sei esposto durante il sesso.

Lavare con acqua e sapone per almeno 20 secondi. Lavati sempre le mani, i giocattoli sessuali e altri oggetti. Altri oggetti, come i touchscreen di telefoni e tablet, possono essere disinfettati con un prodotto a base di alcol isopropilico al 70%.

Non fare sesso se sei malato, soprattutto se tossisci o starnutisci.

Non fare sesso se hai COVID-19.

Detto questo, ci sono ancora modi per godersi il sesso indipendentemente dal tuo stato COVID-19:

Masturbazione. Il "sesso da solista" è sicuro a condizione che ti lavi le mani con acqua e sapone per almeno 20 secondi prima e dopo. Assicurati di lavare anche vibratori, dildo o altri giocattoli sessuali.

Sesso al telefono, sesso video e sexting. Le coppie possono rimanere intime attraverso conversazioni telefoniche erotiche, chat video. Possono anche inviare messaggi sexy tramite e-mail e testo. Anche se all'inizio potrebbe sembrare imbarazzante, è un buon momento per usare la tua immaginazione ed esplorare fantasie sessuali che potresti rivisitare quando è sicuro avere di nuovo rapporti sessuali.





TESTOSTERONE BASSO

Gli uomini vanno in menopausa? Esiste la menopausa maschile?


Andrologo italiano a Londra Come le donne, gli uomini vedono i loro livelli di ormoni sessuali diminuire man mano che invecchiano. A volte, questo processo è chiamato menopausa maschile o andropausa, ma differisce notevolmente dalla menopausa femminile. I medici possono usare altri termini per descrivere questo processo, come sindrome da carenza di testosterone, carenza di androgeni e ipogonadismo maschile a insorgenza tardiva. (L'ipogonadismo è un altro nome per il basso livello di testosterone.) I livelli di testosterone di un uomo iniziano a diminuire di circa l'1% ogni anno intorno ai 30 anni. Il processo è graduale e la sua fertilità non è sempre influenzata. Gli uomini possono ancora generare figli fino alla vecchiaia. Al contrario, il calo della produzione di estrogeni durante la menopausa femminile avviene in un arco di tempo molto più breve. Dopo la menopausa, le donne non sono più in grado di avere figli. Quando i livelli di testosterone degli uomini diminuiscono, potrebbero verificarsi alcuni di questi sintomi:

  • Diminuzione della libido
  • Disfunzione erettile
  • Depressione, sentirsi meno motivati
  • Sbalzi d'umore
  • Fatica
  • Problemi di sonno
  • Diminuzione della massa muscolare
  • Diminuzione della densità ossea
  • Sviluppo del seno
  • Tuttavia, non tutti gli uomini hanno sintomi.
Gli uomini che hanno sintomi dovrebbero consultare il proprio medico. Sebbene la causa possa essere correlata all'età, potrebbero essere coinvolte altre condizioni di salute, come problemi alla tiroide, effetti collaterali dei farmaci o apnea ostruttiva del sonno. È importante sottoporsi a un esame fisico approfondito. Spesso, i sintomi possono essere alleviati apportando cambiamenti nello stile di vita, come mangiare cibi sani, dormire a sufficienza, fare esercizio fisico regolarmente e ridurre i livelli di stress. Se i problemi sono causati dai farmaci, potrebbe essere utile modificare il tipo di farmaco o il dosaggio. In altri casi, i medici potrebbero prescrivere una terapia sostitutiva con testosterone.




Quale ruolo potrebbero svolgere gli androgeni in COVID-19?


Una ricerca pubblicata a maggio 2020 suggerisce che la sensibilità agli androgeni potrebbe contribuire alla gravità delle infezioni da COVID-19 negli uomini.

Gli androgeni sono un gruppo di ormoni che include testosterone e diidrotestosterone (DHT). Sono spesso considerati ormoni sessuali maschili perché sono in gran parte responsabili dei tratti maschili, come i peli del viso, una voce più profonda e l'aumento della massa muscolare. I corpi delle donne producono androgeni in quantità molto minori.

Sia per gli uomini che per le donne, gli androgeni svolgono un ruolo importante nel desiderio sessuale.

La sensibilità agli androgeni è determinata dalle varianti genetiche dei recettori degli androgeni.

Nel maggio 2020, un team di scienziati italiani ha scoperto una possibile connessione tra la malattia COVID-19 e gli androgeni. Hanno pubblicato le loro scoperte negli Annals of Oncology.

I ricercatori hanno analizzato le informazioni di 9.280 persone in Veneto, in Italia. Tutti i partecipanti erano stati infettati da SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19.

Hanno notato che mentre più donne che uomini avevano infezioni da COVID-19, gli uomini tendevano ad avere casi più gravi. Altri uomini sono morti anche a causa del COVID-19.

I ricercatori hanno quindi esaminato i risultati per gli uomini con cancro, che erano più suscettibili all'infezione da SARS-CoV-2 rispetto agli uomini senza cancro.

Hanno scoperto che gli uomini avevano un rischio inferiore di COVID-19 se stavano ricevendo la terapia di deprivazione androgenica (ADT) per il trattamento del cancro alla prostata.

Gli androgeni possono alimentare la crescita delle cellule tumorali della prostata. L'ADT riduce la quantità di androgeni nel corpo di un uomo, dando alle cellule tumorali meno energia con cui lavorare.

I ricercatori hanno quindi esaminato i risultati per gli uomini con cancro, che erano più suscettibili all'infezione da SARS-CoV-2 rispetto agli uomini senza cancro.

È possibile che l'ADT possa proteggere gli uomini dal COVID-19 in una certa misura, ma sono necessari ulteriori studi. Gli autori hanno chiesto la conferma dei risultati in altri grandi gruppi di pazienti.

Tuttavia, l'ADT a breve termine potrebbe essere un'opzione per il trattamento di COVID-19 in alcuni pazienti nel tempo.

I ricercatori hanno quindi esaminato i risultati per gli uomini con cancro, che erano più suscettibili all'infezione da SARS-CoV-2 rispetto agli uomini senza cancro.

Un altro documento medico, pubblicato a maggio 2020 sulla rivista Drug Development Research, ha suggerito che la sensibilità agli androgeni potrebbe spiegare perché gli uomini sembrano sviluppare sintomi più gravi di COVID-19 rispetto alle donne. È possibile che le varianti genetiche nei recettori degli androgeni possano svolgere un ruolo. Questo potrebbe anche spiegare perché i bambini sembrano essere meno colpiti e perché diverse etnie hanno tassi di mortalità COVID-19 diversi.

"Se la nostra teoria si dimostrerà corretta, la terapia antiandrogena potrebbe essere utilizzata come trattamento nei pazienti COVID-19", hanno scritto gli autori dello studio. “Alla fine potrebbe essere trovato un vaccino per SARS-CoV-2; tuttavia, se un vaccino non viene trovato o ritenuto inefficace, la soppressione degli androgeni come trattamento profilattico potrebbe ridurre il carico della malattia da COVID-19 ".




Cos'è il testosterone basso (ipogonadismo)? Quali sono i sintomi e come viene diagnosticato?


Il testosterone è un ormone importante per gli uomini. Prodotto dai testicoli, l'ormone conferisce agli uomini molte delle loro caratteristiche maschili, come i peli del viso e una voce più profonda. È coinvolto nella produzione di sperma e nel desiderio sessuale. Contribuisce anche alla forza, alle ossa e alla massa muscolare.

Un basso livello di testosterone, chiamato anche ipogonadismo, si verifica quando il corpo di un uomo non produce quantità adeguate di ormone.

L'ipogonadismo può verificarsi se c'è un problema con l'ipotalamo o la ghiandola pituitaria (due aree del cervello che aiutano a innescare la produzione di testosterone) o con i testicoli stessi. Ad esempio, gli uomini a cui vengono rimossi entrambi i testicoli durante il trattamento per il cancro ai testicoli non produrrebbero più abbastanza testosterone.

Il normale corso dell'invecchiamento può anche causare un calo dei livelli di testosterone negli uomini. Questo processo è talvolta chiamato "andropausa", in confronto alla menopausa femminile. Tuttavia, il calo del testosterone è molto più graduale per gli uomini rispetto al calo degli estrogeni che le donne sperimentano. In generale, i livelli di testosterone degli uomini iniziano a diminuire di circa l'1% ogni anno intorno ai 30 anni.

La Urology Care Foundation stima che 4 uomini su 10 di età superiore ai 45 anni hanno bassi livelli di testosterone.

Un basso livello di testosterone è stato anche collegato a diabete, ipertensione, colesterolo alto, obesità, infezione da HIV, AIDS e uso a lungo termine di oppioidi.

I sintomi comuni di un basso livello di testosterone includono quanto segue:

  • Minore desiderio sessuale, minore interesse per il sesso
  • Disfunzione erettile (erezioni più deboli o difficoltà a ottenere un'erezione)
  • Diminuzione della massa muscolare
  • Sbalzi d'umore e / o umore depresso
  • Fatica
  • Seni ingranditi
  • Anemia
  • Perdita di calcio dalle ossa

Un basso livello di testosterone viene diagnosticato con un esame del sangue. I livelli di testosterone di un uomo oscillano durante il giorno, ma di solito sono più alti al mattino. Molti medici preferiscono fare il test in quel momento. In generale, a un uomo viene diagnosticato un basso livello di testosterone se il suo livello è inferiore a 300 ng / dL.

A volte, viene fatta una distinzione tra testosterone legato, libero e totale. Circa il 98% del testosterone nel corpo è legato. Ciò significa che è attaccato alle proteine - albumina e globulina legante gli ormoni sessuali (SHBG) - che lo aiutano a viaggiare attraverso il flusso sanguigno. Il resto è considerato gratuito. Non è attaccato a nessuna proteina. Di solito, il testosterone libero è il tipo connesso a problemi sessuali.

Il più delle volte, i medici controllano il testosterone totale, la combinazione di legato e libero prese insieme. Questa misurazione viene utilizzata per diagnosticare l'ipogonadismo.

Un medico potrebbe anche controllare i livelli di ormone luteinizzante (LH) e ormone follicolo-stimolante (FSH), poiché questi ormoni lavorano con i testicoli.




Come viene trattato il basso livello di testosterone?


Agli uomini viene tipicamente diagnosticato un basso livello di testosterone (ipogonadismo) se i loro livelli di testosterone sono inferiori a 300 ng / dL e hanno sintomi, come basso desiderio sessuale e affaticamento. A questo punto, i pazienti possono prendere in considerazione la terapia con testosterone per riportare quei livelli a un intervallo normale.

Molti uomini con diagnosi di ipogonadismo scoprono che la terapia con testosterone aiuta a recuperare il loro desiderio sessuale e migliorare il loro umore. Tuttavia, potrebbe non aiutare con la funzione erettile se ci sono cause alla base di tale condizione, come il diabete o le malattie cardiache.

Come ogni trattamento, il testosterone può avere rischi ed effetti collaterali.

La terapia con testosterone può essere somministrata in diversi modi:

• Gel. La maggior parte degli uomini sceglie questa opzione. Un gel di testosterone viene applicato quotidianamente sulla pelle, solitamente sulla parte superiore del braccio o sulla spalla. Gli uomini che usano un gel dovrebbero lavarsi accuratamente le mani dopo averlo applicato. Dovrebbero anche fare attenzione a coprire l'area e assicurarsi che il gel non si sfreghi sulla pelle di un'altra persona.

• Cerotti. I cerotti di testosterone si attaccano alla pelle del braccio, della schiena, dello stomaco o della coscia di un uomo. Usati quotidianamente, i cerotti devono essere ruotati in aree diverse in modo che lo stesso punto non venga utilizzato più di una volta ogni sette giorni.

• Iniezioni. I colpi di testosterone possono essere somministrati da un medico o dall'uomo stesso. Di solito sono necessari ogni una o tre settimane, anche se i preparati ad azione prolungata possono essere utilizzati ogni 4-6 settimane.

• Pellet. I pellet di testosterone offrono un rilascio continuo e costante di testosterone per diversi mesi. Vengono impiantati da un medico, di solito nella zona dell'anca, appena sotto la pelle.

A seconda del metodo di trattamento, i livelli di testosterone possono rimanere costanti per tutta la giornata o possono aumentare al mattino e diminuire la sera, come è tipico del corpo.

Il medico di un uomo può aiutarlo a decidere quale metodo è meglio per lui.

Gli uomini non dovrebbero assumere testosterone se i loro livelli sono normali o se non sono stati testati. La diagnosi di bassi livelli di testosterone dovrebbe sempre essere fatta da un operatore sanitario qualificato.

Il seguito con un medico è importante per gli uomini in terapia con testosterone. In generale, questi uomini dovrebbero controllare i livelli di testosterone ogni 3-4 mesi durante il primo anno. Questo può essere fatto con un semplice esame del sangue.

Il momento migliore della giornata per l'esame del sangue dipende dal tipo di terapia utilizzata. Per gli uomini che usano un cerotto, i livelli di testosterone tendono ad essere più alti circa 4-8 ore dopo l'applicazione. Tuttavia, gli uomini che usano i gel di solito possono far controllare i loro livelli in qualsiasi momento, poiché questo sistema di somministrazione tende a mantenere i livelli costanti durante il giorno.

Si raccomanda inoltre agli uomini in terapia con testosterone di sottoporsi periodicamente a esami rettali digitali e test del PSA (antigene prostatico specifico) per tenere d'occhio la salute della prostata.

Poiché la terapia con testosterone può aumentare la conta dei globuli rossi, gli uomini dovrebbero anche controllare regolarmente i loro livelli di ematocrito e di emoglobina.




Quali sono alcuni degli effetti collaterali e dei rischi della terapia con testosterone?


La terapia sostitutiva con testosterone viene spesso prescritta agli uomini il cui corpo non produce da soli quantità adeguate di testosterone, una condizione chiamata ipogonadismo. Questo può accadere quando c'è un problema con la parte del cervello che attiva la produzione di testosterone o con i testicoli stessi (le ghiandole che producono questo ormone).

La terapia può anche essere prescritta a uomini anziani i cui livelli di testosterone sono diminuiti durante il corso naturale dell'invecchiamento. Questi uomini possono scoprire che il loro desiderio sessuale è diminuito e che si sentono stanchi e deboli. Rifornire i livelli di testosterone può migliorare questi sintomi.

Per gli uomini con una corretta diagnosi di ipogonadismo da parte di un professionista sanitario, la terapia con testosterone offre diversi potenziali benefici, ma tale trattamento non è privo di possibili effetti collaterali.

Alcuni degli effetti collaterali più comuni della terapia con testosterone includono quanto segue:

  • Prurito e irritazione. Ciò può verificarsi ovunque venga applicato un cerotto o un gel di testosterone. Tende ad essere meno comune per gli utenti di gel.
  • Aumento dei peli sul corpo
  • Vampate di calore
  • Cambiamenti nei livelli di colesterolo
  • Cambiamenti nella conta dei globuli rossi
  • Aumento di peso - a causa della ritenzione di sale e acqua (non accumulo di grasso)
  • Ginecomastia. Alcuni uomini sviluppano più tessuto mammario o sentono tenerezza in quest'area, ma tornano alla normalità se la terapia con testosterone viene interrotta.
  • Acne e / o pelle grassa. Questo effetto collaterale di solito termina quando un uomo smette di prendere testosterone.

La terapia con testosterone riduce anche il numero di spermatozoi, quindi generalmente non è raccomandata per gli uomini con problemi di fertilità.

Sebbene non esistano prove conclusive, si sospetta che la terapia con testosterone stimoli la crescita delle cellule della prostata e delle cellule tumorali della prostata. Gli uomini con cancro alla prostata sono generalmente sconsigliati alla terapia con testosterone. Gli uomini dovrebbero essere sottoposti a screening per il cancro alla prostata prima di iniziare il trattamento.

Il testosterone può anche avere effetti negativi per gli uomini con cancro al seno.

La terapia con testosterone è stata collegata all'apnea notturna, un disturbo che induce le persone a smettere di respirare per brevi intervalli ripetuti durante la notte. Questi episodi possono privare il cervello di ossigeno.

Per evitare di trasferire il testosterone a un'altra persona, gli uomini che usano il gel dovrebbero lavarsi le mani immediatamente dopo averlo applicato. Prima del sesso, devono fare la doccia o coprire il sito di applicazione in modo che il gel non si trasferisca al partner. Ad esempio, poiché gli uomini di solito applicano il gel sulle spalle, sulla parte superiore delle braccia o sull'addome, alcuni uomini indossano una maglietta durante il sesso.

Gli uomini che pensano di poter trarre beneficio dalla terapia con testosterone dovrebbero consultare il proprio medico. I sintomi di un basso livello di testosterone possono essere causati da molte condizioni mediche diverse ed è importante sottoporsi a un controllo completo.

Alcuni uomini sono riluttanti a discutere i loro sintomi con un medico, soprattutto se hanno problemi di prestazioni sessuali. In alcuni casi, gli uomini acquistano prodotti di testosterone da banco online o nei negozi. Ma questa pratica è rischiosa, poiché alcuni prodotti contengono altri ingredienti che possono interagire con i farmaci che un uomo sta già assumendo. È sempre più sicuro vedere un operatore sanitario.

Nonostante la difficoltà di discutere i sintomi sessuali con un medico o un terapista sessuale, gli uomini che superano il loro imbarazzo scoprono che ricevere adeguate informazioni professionali e consulenza sessuale può contribuire al successo del trattamento medico con il testosterone.





EIACULAZIONE E SPERMA

Cambiamenti nel colore e consistenza dello sperma?


Lo sperma è di solito grigio biancastro. Ma a volte, notano lievi cambiamenti nel colore e nella consistenza dello sperma in base al cibo che hanno mangiato quel giorno, alle loro attività o al tempo trascorso dall'ultima eiaculazione.

Tuttavia, ci sono momenti in cui lo sperma potrebbe essere rosa, marrone rossastro, giallo o verde.

Lo sperma si coagula quasi immediatamente dopo l'eiaculazione, formando un liquido appiccicoso e gelatinoso. Si liquefà di nuovo in 5 o 40 minuti. È abbastanza normale che lo sperma formi globuli gelatinosi e questo non indica alcun problema di salute o fertilità. La mancata coagulazione e la successiva liquefazione possono causare problemi di fertilità.

I cambiamenti nel colore dello sperma non sono sempre motivo di allarme, ma gli uomini dovrebbero consultare il proprio medico se tali cambiamenti persistono per più di una settimana o se hanno altri sintomi, come dolore, gonfiore, febbre, brividi o sangue nelle urine.

Se lo sperma è rosa o bruno-rossastro, potrebbe esserci sangue mescolato con lo sperma, una condizione chiamata ematospermia. Lo sperma sanguinante può avere molte cause:

  • infezioni trasmesse sessualmente
  • biopsia prostatica
  • ingrossamento della prostata (iperplasia prostatica benigna - IPB)
  • prostatite (infiammazione della prostata)
  • bracytherapy (un tipo di radioterapia per il cancro alla prostata)
  • epididimite (infiammazione dell'epididimo, un tubo che immagazzina lo sperma)
  • uretrite (infiammazione dell'uretra)
  • lesioni o traumi
  • vasectomia

In rari casi, l'ematospermia può essere causata da cancro ai testicoli o cancro alla prostata.

Il più delle volte, non vi è alcuna causa identificabile per il sangue nello sperma e il risultato è completamente benigno.

Per maggiori dettagli sull'ematospermia, fare clic qui.

Lo sperma giallo potrebbe essere collegato a uno dei seguenti:

  • infezioni trasmesse sessualmente
  • leucocitospermia (alti livelli di globuli bianchi)
  • urina nello sperma, soprattutto se un uomo non ha eiaculato da un po '
  • ittero
  • cambiamenti nella dieta (mangiare cibi che contengono coloranti)

Lo sperma verde potrebbe indicare un'infezione a trasmissione sessuale o una prostatite.

Il trattamento per i cambiamenti nel colore dello sperma varia a seconda della causa. Ad esempio, se un uomo ha la prostatite o un'infezione a trasmissione sessuale, potrebbe aver bisogno di assumere antibiotici.

Gli uomini conoscono meglio il loro corpo e generalmente conoscono il colore abituale del loro seme. Ma per essere sicuri, è una buona idea per gli uomini consultare un urologo se ci sono cambiamenti nel colore o nella consistenza del loro seme, o se rilevano un cattivo odore. Dolore, sensazione di bruciore, gonfiore, prurito o qualsiasi altra cosa insolita dovrebbero assolutamente essere affrontati da un Urologo.




Cosa é l'ematospermia?


L'ematospermia (a volte ematospermia scritta) si riferisce al sangue nello sperma. Gli uomini possono notare che il loro seme è macchiato di sangue, rosa o bruno-rossastro. Ma a volte il sangue è microscopico e non può essere visto affatto. Quando lo sperma viene prodotto dai testicoli, viaggia verso le vescicole seminali, dove si mescola con altri fluidi eiaculatori per formare lo sperma. Da lì, lo sperma va ai dotti eiaculatori e viene espulso dal pene quando un uomo raggiunge l'orgasmo. Il sanguinamento può verificarsi in qualsiasi punto lungo questo percorso. L'idea di sangue nello sperma può essere preoccupante, ma la maggior parte delle volte non è un problema. L'ematospermia spesso scompare da sola. Tuttavia, è importante per gli uomini che trovano sangue nel loro sperma consultare un medico, specialmente se hanno altri sintomi, come • sangue nelle urine
• dolore durante la minzione, l'eiaculazione o i movimenti intestinali
• gonfiore allo scroto o all'inguine
• febbre o brividi. Alcune cause di ematospermia includono quanto segue: • Le infezioni a trasmissione sessuale come la clamidia, l'herpes genitale e la gonorrea potrebbero causare sangue nel liquido seminale. • Condizioni della prostata. Un uomo potrebbe scoprire sangue nel suo sperma se ha avuto una biopsia prostatica o se ha una prostata ingrossata. La prostatite (infiammazione della prostata) è un'altra possibile causa. • La brachiterapia è un tipo di radioterapia usata per trattare il cancro alla prostata. Piccoli semi radioattivi vengono piantati nella ghiandola prostatica e, per alcuni uomini, questo provoca ematospermia. • L'epididimite è un'infiammazione dell'epididimo, il tubo che immagazzina lo sperma prima che si mescoli con il liquido eiaculatorio. • L'uretrite è un'infiammazione dell'uretra, il tubo da cui l'urina e lo sperma escono dal corpo. • Lesioni o traumi al sistema riproduttivo. Potrebbe accadere in vari modi, come un incidente d'auto, un infortunio sportivo o un sesso violento. • Vasectomia. Alcuni uomini sperimentano sanguinamento per un breve periodo dopo questa procedura. • Cancro. Molto raramente, l'ematospermia è un segno di cancro ai testicoli o alla prostata. Alcuni uomini trovano sangue nel loro sperma se il sesso viene interrotto o se non lo fanno da molto tempo. Se il sangue nello sperma è l'unico sintomo, il trattamento probabilmente non è necessario. Gli uomini dovrebbero comunque vedere un medico, comunque. Se un uomo ha altri sintomi, un urologo può condurre test per determinare la causa. I test possono includere analisi dello sperma, analisi delle urine, raggi X, ecografia o esame rettale. Una volta trovata una condizione sottostante, può essere trattata e, nella maggior parte dei casi, il sangue nello sperma si risolverà. Ad esempio, se un uomo ha un'infezione, potrebbe aver bisogno di assumere antibiotici.




Si puo' ritardare efficacemente l'eiaculazione?


Ci sono diversi motivi per cui un uomo potrebbe voler ritardare la sua eiaculazione. Alcuni uomini hanno l'eiaculazione precoce (EP) e stanno cercando di mantenere il controllo dell'eiaculazione. Alcuni uomini non soffrono di eiaculazione precoce ma vorrebbero ritardare la loro eiaculazione per prolungare il loro piacere o per soddisfare il loro partner. Ad altri piace la bordatura, una pratica che li porta sull'orlo (o "limite" dell'orgasmo), quindi ritarda il climax. Alcune persone trovano che il loro orgasmo finale sia più intenso e più piacevole con il bordo. Qualunque sia la ragione, le seguenti diapositive descrivono le tecniche da provare.
Mindfulness Alcuni uomini trovano utile concentrarsi direttamente sulle sensazioni del sesso: ciò che vedono, sentono, gustano, toccano e odorano. Questa si chiama consapevolezza. Potresti anche prestare molta attenzione alla respirazione o provare esercizi di respirazione. La chiave è rimanere "nel momento" per abbassare l'eccitazione. La distrazione è un'altra opzione. Pensare a qualcosa di non sessuale potrebbe tenerti lontano dal "limite" fino a quando non desideri eiaculare. Masturbazione Alcuni uomini si masturbano prima di fare sesso con il loro partner, scoprendo che il loro secondo orgasmo richiede più tempo del primo. Usare i preservativi Se non usi già il preservativo, potresti provare questo approccio. Un preservativo può ridurre la sensazione sul pene. Sebbene la stimolazione possa essere ancora piacevole, potrebbe essere necessario più tempo per raggiungere l'orgasmo.
Il metodo Stop-Start Con questa tecnica, la stimolazione del pene inizia - poi si ferma - ripetutamente finché non si è pronti per eiaculare. Inizia stimolando il pene in qualsiasi modo ti sia piacevole. Ad esempio, la stimolazione potrebbe essere da sola, con l'aiuto del tuo partner o usando un giocattolo sessuale.
Quando pensi di stare per eiaculare, interrompi la stimolazione per circa 30 secondi.
Quindi, ricomincia la stimolazione. Di nuovo, quando sei quasi sull'eiaculato, interrompi il processo e attendi 30 secondi.
Ripeti questi passaggi finché non ti senti pronto per l'orgasmo.
Il metodo Squeeze Questa tecnica è simile al metodo start-stop descritto nella diapositiva precedente: Stimola il pene finché non stai per eiaculare.
Strizza delicatamente la punta del tuo pene. (Tu o il tuo partner potete farlo.)
Interrompere la stimolazione per circa 30 secondi.
Ripeti i passaggi fino a quando non desideri eiaculare.
Queste tecniche possono essere adattate e adattate. Alcuni potrebbero essere più efficaci di altri. Potrebbe essere necessario provare delle varianti prima di trovare ciò che funziona meglio per te. Se ritieni che l'eiaculazione precoce sia un problema per te, non esitare a parlare con il tuo medico. Esistono trattamenti medici per l'EP, compresi i farmaci e la terapia sessuale.





TUMORE ALLA PROSTATA

Disfunzione erettile dopo Prostatectomia Radicale e Radioterapia per tumore alla prostata Cosa é?


Quasi tutti gli uomini sperimenteranno una disfunzione erettile per i primi mesi dopo il trattamento del cancro alla prostata. Tuttavia, entro un anno dal trattamento, quasi tutti gli uomini, con nervi periprostatici intatti, vedranno un miglioramento sostanziale.

Dopo prostatectomia con risparmio di nervi ( NERVE SPARING)

Entro un anno, circa il 40-50% degli uomini tornerà alla funzione di pre-trattamento. Dopo due anni, circa il 30-60% sarà tornato alla funzione di pre-trattamento. Queste percentuali variano ampiamente a seconda del chirurgo e di come il livello di "risparmio nervoso" che un chirurgo può eseguire al momento dell'intervento.

A seguito di radioterapia

Circa il 25-50% degli uomini sottoposti a brachiterapia sperimenterà una disfunzione erettile contro quasi il 50% degli uomini che hanno radiazioni a fascio esterno standard. Dopo due o tre anni, pochi uomini vedranno un notevole miglioramento e occasionalmente questi numeri peggioreranno nel tempo.

Gli uomini che si sottopongono a procedure non progettate per ridurre al minimo gli effetti collaterali e / o coloro i cui trattamenti sono somministrati da medici che non sono competenti nelle procedure se la passeranno peggio.

Gli uomini con altre malattie o disturbi che compromettono la loro capacità di mantenere l'erezione (diabete, problemi vascolari, ecc.) Avranno più difficoltà a tornare alla funzione pre-trattamento.




Disfunzione erettile dopo Prostatectomia Radicale e Radioterapia per tumore alla prostata Come si cura?


Disfunzione erettile dopo Prostatectomia Radicale e Radioterapia per tumore alla prostata Come si cura?

Gestione della disfunzione erettile

I farmaci orali rilassano i muscoli del pene, consentendo al sangue di fluire rapidamente. In media, i farmaci impiegano circa un'ora per iniziare a funzionare e gli effetti di aiuto all'erezione possono durare dalle 8 alle 36 ore.

Circa il 75% degli uomini sottoposti a prostatectomia risparmiatore di nervi o forme più precise di radioterapia hanno riferito di aver raggiunto con successo erezioni dopo aver usato questi farmaci. Tuttavia, non sono per tutti, compresi gli uomini che assumono farmaci per l'angina o altri problemi cardiaci e gli uomini che assumono alfa-bloccanti.

Trattamenti alternativi

Gli uomini che non recuperano la funzione erettile dopo il trattamento possono provare farmaci iniettabili che inducono farmacologicamente l'erezione. Il farmaco più comune utilizzato per questo è la prostaglandina.

Dispositivi meccanici

Il dispositivo di costrizione del vuoto crea meccanicamente un'erezione forzando il sangue nel pene usando un sigillo sottovuoto. Un anello di gomma arrotolato sulla base del pene impedisce al sangue di fuoriuscire una volta rotto il sigillo. Circa l'80% degli uomini ritiene che questo dispositivo abbia successo.

Opzioni chirurgiche

Un impianto penieno a tre pezzi inserito chirurgicamente include uno stretto tubo di plastica flessibile inserito lungo la lunghezza del pene, una piccola struttura simile a un palloncino riempita di fluido attaccata alla parete addominale e un pulsante di rilascio inserito nel testicolo.

Il pene rimane flaccido fino a quando non si desidera un'erezione, a quel punto viene premuto il pulsante di rilascio e il fluido dal palloncino scorre nel tubo di plastica. Quando il tubo si raddrizza dall'essere riempito con il fluido, tira su il pene, creando un'erezione.

Supponendo che i meccanismi funzionino correttamente, è efficace al 100% e circa il 70% degli uomini rimane soddisfatto dei propri impianti anche dopo 10 anni. Poiché questa procedura viene eseguita in anestesia generale, non è disponibile per gli uomini che non sono considerati buoni candidati per un intervento chirurgico a causa di altri motivi di salute.